Migrare è…

La fuite reste souvent [face à la tempête], loin des côtes, la seule façon de sauver le bateau et son équipage. Elle permet aussi de découvrir des rivages inconnus qui surgiront à l’horizon des calmes retrouvés. Rivages inconnus qu’ignoreront toujours ceux qui ont la chance apparente de pouvoir suivre la route des cargos et des tankers, la route sans imprévu imposée par les compagnies de transport maritime.
Eloge de la fuite – Henri Laborit

Migrare è un movimento.
Una partenza come l’atto primario.
Accettare l’abbandono e l’oblio per un attimo del conosciuto.
E’ un viaggio, di sola andata.
Il ritorno non appartiene al piano iniziale.
Andare verso un nuovo luogo e provare ad integrarsi con esso.
Diverso dal turismo dove ormai non vi sono scambi.

Il migrante è un disertore,
Quello che scappa e prende una strada diversa.
La strada che lo porta al di fuori dalla sua percezione.
Il pendolare è il migrante del basso:
Fugge ogni mattina.
L’emigrato è il migrante dell’alto:
Fugge per sempre.

Migrare è accedere alla libertà.
La libertà dello sconosciuto.
Trovare le opportunità, compiere delle scelte.
Ripartire da zero.
Tutto diventa possibile.
E’ un atto di creazione.
Creare nuove situazioni, creare il percorso.
Trovare se stesso.

Migrare è accettare di rimanere straniero.
Straniero lì dove si va,
Ma anche da dove si viene.
Non può tornare indietro, alla situazione d’origine:
Scompare il luogo dove viene completamente accettato.
Vive di un’identità spezzata.
La ricompone di continuo, componendola di influenze diverse.
E rivaluta i suoi valori.

C’è il migrante immobile.
Viaggatore del pensiero, del sogno.
Artista, filosofo, sognatore…
E’ qui ed altrove,
Scappa in mondi immaginati.
Dove avvolto rimane per sempre.

Migrare è un atto liberatorio, creativo, avventuroso:
Su una strada incerta e piena di scoperte.
Il migrante è sulla soglia.
La soglia di una logica nuova.
La sua percezione è sempre rinnovata:
Dagli altri, dall’ambiente, da lui stesso.

Tagged , , , , , , , , ,

One thought on “Migrare è…

  1. FRANZ says:

    lo spazio in versi. :)

comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: