INVISIBLE TWINNINGS

English version below

Come introduzione al progetto “RICETTE DEL MIGRANTE”  vorremmo presentare un’interessante ricerca che Giulia(in collaborazione con Gayle Chong Kwan e Francesca Mila Nemni
) ha sviluppato su un concetto affine a quello della contaminazione/identità culturale.

Invisible Twinning

Berlino è attualmente gemellata con 17 città, per lo più altre capitali, che esprimono la percezione di Berlino dei suoi allineamenti e ciò che è visto come suo equivalente. Tuttavia, guardando le connessioni più invisibili e “Linee di energia,” questo progetto si concentra su i gemellaggi non ufficiali, i paesi e le città con cui Berlino ha un rapporto stretto, ma preferisce che queste rimangano invisibili – i gemellaggi che riflettono l’attuale popolazione immigrata di Berlino.

Guardando in dettaglio il sistema berlinese di assegnazione degli orti (Kleingartenanlage o KGA) il progetto intende sviluppare uno spazio di terra dove 17 immigrati di diverse nazionalità, che rappresentano le percentuali della popolazione immigrata a Berlino, potessero coltivare i loro prodotti alimentari. Il Landesverband Berlin der Gartenfreunde non ha fornito terreno per il progetto, e ciò che è diventato interessante è stato il modo in cui i nostri tentativi di coinvolgimento con il funzionario KGA rispecchiava l’esperienza di molti immigrati che restano invisibili o impossibilitati ad accedere a luoghi più ufficiali di sostegno della città e delle sue organizzazioni e istituzioni.

Abbiamo iniziato a lavorare con gli immigrati nelle loro case e nei giardini “della Comunità”, dove sono stati autorizzati a coltivare – documentare le piante, erbe e verdure che crescono, esplorando le relazioni tra questi elementi adulti e le idee di salute nelle loro culture, così come registrare le storie o racconti ad essi associati, relazionandole alla loro esperienza di essere a Berlino. Accanto a questo, abbiamo continuato a lavorare sia con i tedeschi titolari di orti a Berlino Landesverband der Gartenfreunde sia con i titolari dei giardini interculturali, capendo le loro idee sull’assegnazione dei terreni, sulla condivisione di risorse e piante, cibo ed erbe che vengono coltivate per la salute e anche su ciò che “salute” significa per loro.
Tutti i materiali accumulati nel corso del progetto sono stati raccolti e documentati con una pubblicazione in edizione limitata: Invisible Twinning (Edizione Green Box, Berlino).

Il video Kochzeiten (Tempi di cottura), eine Portraitserie è stato prodotto rappresentando gli abitanti di Berlino mentre preparano piatti tipici dei loro paesi originali, in una miscela di linguaggi e gesti, per dare l’idea non solo di come cucinare piatti di diverse nazionalità che vivono a Berlino, ma anche come può essere la comunicazione tra le persone a Berlino. ( Tempi di cottura, un testo di Francesca Mila Nemni).

Questi brevi video, che richiamano alla nostra mente i programmi televisivi di cucina della domenica mattina, mostrano alcuni berlinesi preparare il cibo per le loro famiglie. Un berlinese, però, non è necessariamente un tedesco.  Piuttosto il contrario. Così i cuochi preparano il loro cibo di base turca, italiana, slava, tradizionale cilena … perché i berlinesi di oggi spesso provengono da paesi più o meno lontani. “Tempi di cottura” illustra in modo molto semplice una condizione normale della nostra vita contemporanea: una condizione comune di “esperire superficialmente”, per cui da un lato siamo in grado di entrare in contatto con molte culture in più rispetto al passato, ma, al tempo stesso, si è negato l’accesso ad una qualsiasi  conoscenza più approfondita.

Il progetto è poi culminato in un pranzo celebrativo al POG colonie di piccoli giardini assegnati, a Berlino, il 10 settembre 2011, dove sono stati istituiti gemellaggi fra i partecipanti attraverso un “Accordo per la creazione di un rapporto di gemellaggio invisibile”.
http://www.invisibletwinning.blogspot.com/

Invisible Twinning
Awarded Project
Meridian|Urban, 8th Asia-Pacific Weeks 2011
Haus der Kulturen der Welt, Berlin
Artisti: Gayle Chong Kwan, Giulia Giannola
Curatore: Francesca Mila Nemni

As an introduction to the project “MIGRANT RECIPES”  we would like to present an interesting research that Giulia (in collaboration with Gayle Chong Kwan and Francesca Mila Nemni 
) has developed on a concept close to that of contamination / cultural identity.

 

Invisible Twinning

Berlin is currently twinned with 17 cities, mostly other capitals, expressing Berlin’s perception of its alignments and what is sees as its equivalents. However, looking at the more unseen connections and “lines of energy,” this project focuses on unofficial twinnings, the countries and cities Berlin has a closer relationship to but prefers remain more invisible – the twinnings that reflect Berlin’s current immigrant population.

Looking in detail at Berlin’s allotment system for garden plots (Kleingartenanlage or KGA) the project intended to develop an area of land where 17 immigrants of different nationalities, representing the percentages of the immigrant population in Berlin, could cultivate their own foodstuffs. The Landesverband Berlin der Gartenfreunde did not provide land for the project, and what became interesting was the way in which our attempts at involvement with the official KGA mirrored the experience of many immigrants who remain invisible or unable to access Berlin’s more official places of support and its organizations and institutions.

We started working with immigrants in their own homes and in the “Community Gardens” where they have been allowed to cultivate – documenting the plants, herbs and vegetables that they grow, exploring the relationships between these grown elements and the ideas of health in their cultures, as well as recording stories or tales associated with them, relating these to their experience of being in Berlin. Alongside this, we continued to work with both German plot holders from the Landesverband Berlin der Gartenfreunde and with holders from intercultural gardens, learning about their ideas of allocating land, about sharing resources and the plants, food and herbs that they grow for health, and also about what “health” means to them.

All of the materials collected throughout the project have been brought together and documented in the limited-edition publication
Invisible twinning (The Green Box edition, Berlin).

The video Kochzeiten (Cooking Times), eine Portraitserie has been produced portraying Berlin’s inhabitants preparing typical dishes from their original countries, in a mixture of languages and gestures, to give the idea not only of how to cook different dishes from different nationalities living in Berlin, but also how communication between people can be in Berlin. ( Kochzeiten, Cooking Times, a text from Francesca Mila Nemni).

These little videos, which call to our mind those Sunday morning TV programs on cooking, show some Berliners preparing food for their families. A Berliner, though, is not necessarily a German. Quite the contrary. So Giannola’s cooks prepare their food according to Turkish, Italian, Slavic, Chilean traditions… because today’s Berliners often come from more or less faraway countries. “Cooking Times” illustrates in a very simple way a normal condition in our contemporary life: a common condition of “superficial experiencing,” whereby on the one hand we are able to get in touch with many more cultures than in the past but, at the same time, we are denied access to any deeper knowledge.

The project also culminated in a celebratory meal with at the POG allotment garden colonie, in Berlin, on the 10th of september 2011,where twinnings were established between the participants through an “Agreement for the establishment of an Invisible Twinning relationship”.
http://www.invisibletwinning.blogspot.com/

Invisible Twinning
Awarded Project
Meridian|Urban, 8th Asia-Pacific Weeks 2011
Haus der Kulturen der Welt, Berlin
Artists: Gayle Chong Kwan, Giulia Giannola
Curator: Francesca Mila Nemni
Tagged , , , , , , , , ,

comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: