KENYA AND DEMOCRACY

English version below

Nyahururu, luglio 2010

 

Carissimi!

Mentre in Italia è arrivata l’estate e si boccheggia dal caldo, qui a Nyahururu si congela. Mentre lì tutti si preparano per andare in vacanza, qui in Kenya è un periodaccio: luglio ed agosto sono i mesi in cui il lavoro si moltiplica giorno dopo giorno. In queste ultime settimane qui al St. Martin sono arrivati molti visitatori soprattutto italiani e così ho per un po’ interrotto le altre attività per cercare di accompagnarli il più possibile in questa nuova avventura africana. Ogni volta che li guardo, in particolare i gruppi di giovani, non posso certo non ricordare che tre anni fa ero una di loro.

 

Dear all!

While in Italy, summer arrived and gasps from the heat, here in Nyahururu it freezes. While there are all ready to go on holiday, here in Kenya is not a good time: July and August are the months in which the work is multipling day by day. During the last few weeks here at St. Martin we have received many visitors, especially Italians and so I ‘interrupted other activities for a while trying to take them as much as possible in this new African adventure. Every time I look at them, and in particular groups of young people, I can not forget that three years ago I was one of them.

 

Da lì, da un semplice viaggio di conoscenza, la mia vita è completamente cambiata, da una piccola opportunità che mi è stata offerta ne è arrivata un’altra molto più grande. Come tutti questi ragazzi, sono venuta qui in Kenya senza troppe aspettative, senza avere la minima idea di che cosa avrei trovato in questo nuovo continente che tanto affascina quanto a volte spaventa per diverse ragioni. Da qui invece, quasi per magia, mi si è aperto un mondo. Non so tutt’ora come sia stato possibile ma davvero, da quel momento, tutto in me è cambiato. Negli ultimi tra anni, quand’ero in Italia, il Kenya è stato un pensiero costante e adesso… eccomi qua, ancora non mi sembra vero ma sono una residente keniana!

 

From there, from a simple journey of experience, my life has completely changed, from a small window of opportunity that was given to me it came another bigger one. Like all these guys, I came here in Kenya without too many expectations, without having the slightest idea of what I would find in this new continent that fascinates as much as sometimes frightening for several reasons. However, from there, as if by magic, I was opened up a world. I Still do not know how that was possible, but really, from that moment, everything changed in me. During he last few years when I was in Italy, Kenya has been a constant thought, and now … here I am, it still does not seem real but I am Kenyan resident!

 

Ogni giorno mi sveglio impaziente di iniziare una nuova giornata e ogni giorno vado a dormire serena, soddisfatta della giornata appena trascorsa. In questi 6 mesi poco più, non c’è mai stato un giorno uguale ad un altro, non c’è mai stato un giorno di noia, nostalgia.. non c’è mai stato un giorno in cui avrei voluto tornare a casa. A volte, nel bel mezzo di qualche attività, mi prendo qualche secondo di tempo per guardarmi attorno, per guardare in faccia i colleghi del St. Martin, i beneficiari dei nostri programmi, le situazioni in cui mi trovo immersa ogni giorno e subito mi rendo conto di quanto io ami queste persone e di quanto mi senta felice qui. Mi reputo davvero una privilegiata a poter condividere con tutti loro questa parte della mia vita, credo che se avessi rinunciato a questa esperienza, mi sarei lasciata scappare una grandissima opportunità di crescita.

 

Every day I wake up eager to start a new day and every day I go slipping serene, satisfied about the day just done. So In these six months, there has never been a day like another, there has never been a day of boredom, nostalgia .. there has never been a day when I wanted to go home. Sometimes, in the middle of some activity, I take a few seconds of time to look around, to face colleagues of St. Martin, the beneficiaries of our programs, the situations in which I am immersed every day and now I am account of how much I love these people and how close I feel happy here. I consider myself a really privileged person to be able to share with them all that part of my life, I believe that if I had given up on this experience, I would have let go a great opportunity of growing.

 

Non è facile da spiegare cari amici, quando i visitatori mi chiedono cosa mi ha spinto a venire qui, riesco solo a rispondere “La gente”.. tutt’ora non riesco a capire qual è il loro segreto ma vi assicuro, se mai avrete la stessa fortuna di poter venire da queste parti lo capirete! Ecco, quando guardo questi visitatori, dentro di me mi auguro possano provare tutto questo, mi auguro riescano a farsi travolgere da tutte queste emozioni e spero possano tornare a casa con una marcia in più!

 

It is not easy to explain, dear friends, when visitors ask me what inspired me to come here, I can only respond “People” .. I still can not figure out what is their secret, but I assure you, if you will ever have the luck to be able to come to this place you will understand! Now, when I look at these visitors I hope inside me they can feel all this, I hope they are able to be overwhelmed by all of these emotions and I hope they can go home with something with a differnt walk!

 

In questi giorni poi il Kenya si sta preparando al referendum del 4 agosto: tutti i cittadini sono chiamati a votare per la nuova costituzione. La gente è divisa a metà: c’è chi è totalmente entusiasta perché finalmente il proprio paese potrà allinearsi agli altri paesi del nord del mondo con una costituzione di stampo democratico come questa e chi invece, come la Chiesa, è totalmente contrario soprattutto perché in essa si legalizzano l’aborto e la possibilità per tutti i musulmani di poter essere giudicati secondo la legge islamica. Ovviamente questo è solo un accenno, la situazione è sicuramente più complessa e delicata.

 

In these days, Kenya is preparing itself for the referendum of 4 August: all citizens are asked to vote for the new constitution. People are divided in half: some people are totally excited because finally their country can align with other northern countries of the world with a constitution of democratic mold like this and who, like the Church, is totally contrary mainly because in it will legalize abortion and the possibility for all Muslims to be judged according to Islamic law. Obviously this is just a hint, the situation is certainly more complex and delicate.

 

Ho cercato di leggermi questo documento e di capirci un po’ di più anche con l’aiuto di alcuni colleghi del St. Martin ma devo ammettere che ho ancora qualche difficoltà a capire quale potrebbe essere per il Kenya la soluzione migliore: entrambe le parti hanno delle valide motivazioni per appoggiare o rifiutare questa nuova costituzione. Lo scorso giovedì sono stata pure con tutti i bambini e gli insegnanti dei nostri centri ad ascoltare il discorso del presidente Kibaki allo stadio di Nyahururu che promuoveva il SI. Tutto lo staff del CPANV (Programma comunitario della non violenza attiva e dei diritti umani) del St. Martin in queste ultime settimane si è riunito invece diverse volte per preparare una specie di manuale sui diritti umani da utilizzare nei workshop per la formazione dei volontari, che si terranno poi tra agosto e settembre nei villaggi più sperduti del Nyandarua e di Laikipia (i due distretti in cui il St. Martin opera).

 

I tried to read this document and understand a bit ‘more with the help of colleagues from the St. Martin but I have to admit that I still find difficult to understand what could be the best solution for Kenya: both parties have valid reasons to support or reject this new constitution. Last Thursday I was also with all the children and teachers of our centers to listen to the speech of President Kibaki at the Nyahururu stadium, which promoted the YES. All staff of CPANV (European Community of active non-violence and human rights) of St. Martin in the last few weeks it mets several times to prepare a sort of manual on human rights to be used in workshops for volunteers training, to be held later in August and September in the remotest village of Nyandarua and Laikipia (the two districts where the St. Martin works).

 

A che cosa serve avere una bella costituzione se poi la maggior parte delle persone del Kenya che vivono nelle zone rurali, al di fuori delle grandi città, non hanno accesso alle informazioni e non sono a conoscenza dei loro diritti? A che cosa servono delle gran belle leggi se poi non c’è nessuno che si impegna a farle rispettare? Leggere nei questionari che abbiamo fatto compilare di recente alla gente dei vari villaggi che i diritti delle donne, dei bambini e dei disabili sono ancora percepiti in molte aree del paese come qualcosa di superfluo o ancor peggio di sbagliato fa il suo effetto.

 

How does it help to have a nice consitution if then the majority of the people of Kenya who live in rural areas, outside of the big cities, do not have access to information and are not aware of their rights? What are the most beautiful laws if then there is no one who undertakes to enforce them? Reading on the questionnaires that we had recently let be compiled in by the people of the various villages that the rights of women, children and persons with disabilities are still perceived in many areas of the country as something superfluous or even worse, it produces a strange effect.

 

Il 16 giugno in tutti i paesi africani si è celebrata la giornata del bambino africano con lo scopo di ricordare a tutti, quanti bambini soffrano ancora in questo grande continente e per sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo i diritti dei minori. Si è scelta questa data in ricordo di un episodio accaduto negli anni Settanta in Sudafrica quando centinaia e centinaia di bambini africani sono stati massacrati dai bianchi solo perché protestavano contro l’apartheid; l’unica cosa che chiedevano era quella di poter frequentare le stesse scuole dei bambini bianchi. Con questo carissimi vi saluto, buone vacanze e a presto!

 

On 16th of June in all African countries it celebrated the day of the African Child with the purpose of reminding everyone, how many children still suffering in this great continent and to make aware the public eye about children’s rights. We have chosen this date in memory of an incident that occurred in the seventies in South Africa when hundreds of African children were massacred by the whites just because they protested against apartheid, the only thing they asked was to be able to attend the same schools of white children. With that dear, greet you, happy holidays and see you soon!

 

 

Alessia

 

Tagged , , , ,

comments

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: